Google Analytics
Visualizzazioni totali: 1.290Persone che hanno letto l'articolo oggi: 2
4,9 / 5

Condividi!

Cos’è Google Analytics? Uno strumento che utilizzano oltre 29 milioni di siti web. Scopriamo perché è indispensabile per la tua attività.

Chi lavora in ambito web, a prescindere dal ruolo e dal volume dei suoi utenti, conosce l’importanza dei dati e della loro interpretazione. Google Analytics è uno strumento che dà la possibilità ai propri utilizzatori di migliorare la loro vita digitale.
Ma come funziona? E perché è così importante?

Cos’è Google Analytics

Innanzitutto partiamo dalle basi. Google Analytics è un servizio proposto da Google che permette di monitorare il comportamento degli utenti sul proprio sito. Lo scopo, quindi, è quello di studiare il traffico web e capire come sta andando il proprio sito vetrina, e-commerce, portale, blog, ecc..

Per attivare tale servizio è sufficiente installare sul proprio sito una riga di codice e, da quel momento, si potrà accedere ad un’immensa quantità di dati che mostra il comportamento di ogni utente, dal tempo di permanenza al numero di visite da un determinato sito esterno, dal comportamento degli utenti al tasso di conversione.

Come puoi intuire, Google Analytics consente di comprendere in che modo i visitatori interagiscono sul tuo sito e, in base all’interpretazione di questi dati, quali sono le migliorie da effettuare e quali strategie di marketing adottare.

Quando è importante Google Analytics e quando non lo è

Partiamo dal secondo quesito: quando non è importante Google Analytics? La risposta è semplice: mai.

Lasciami spiegare meglio. Se ti dicessi che hai la possibilità di studiare gratuitamente ogni passo che compie un utente dal primo contatto all’acquisto finale, capire quali pagine fanno “audience” e quali invece sono carenti, capire quale newsletter frutta contatti e quale no, capire se la campagna social sta portando nuovi contatti e vendite, non sfrutteresti subito l’occasione? Nelle prossime righe scopriremo perché Google Analytics è fondamentale per la tua impresa.

Come funziona Google Analytics

Bisogna partire dal presupposto che, essendo uno strumento (anche) per professionisti, Google Analytics presenta una profondità ed una complessità estreme.

Ma non preoccuparti! Può essere molto utile (e interpretabile) anche per i non addetti ai lavori.

Ecco qui sotto ciò che compare non appena si accede a Google Analytics del nostro sito.

Esempio di Google Analytics

Ecco un esempio della dashboard di Google Analytics con la panoramica dei dati

Come puoi vedere, l’home page è composta da diverse sezioni (a sinistra) che raggruppano diversi tipi di dati. La pagina iniziale permette di visualizzare ciò che accade in modo sintetico. Se hai bisogno di dati più specifici, si possono sfruttare le sezioni inserite nelle colonna di sinistra:

  • In tempo reale
  • Pubblico
  • Acquisizione
  • Comportamento
  • Conversioni

In tempo reale

È un tipo di monitoraggio che consente di osservare l’attività sul sito o nell’app nel momento in cui si verifica. È molto utile, per esempio, se si devono controllare gli effetti sul traffico di nuove campagne o modifiche al sito.

Pubblico

Fornisce una panoramica del traffico, con la possibilità di vedere, ove possibile, i dati demografici, geografici, il tipo di browser utilizzato e tutti quei valori che permettono di fare un’anagrafica degli utenti.

Acquisizione

Permette di capire da dove arrivano gli utenti, quindi se provengono da una ricerca organica, da una campagna display, dai referral (il passaparola da siti terzi) . Ti aiuta a capire in che modo arriva il traffico sul sito.

Comportamento

Il comportamento ti permette di “tracciare” le azioni degli utenti, in modo tale da capire se stanno seguendo i percorsi che desideri.

Conversioni

Le conversioni sono lo strumento che fornisce dati preziosi in merito agli obiettivi preimpostati, che possono essere fornire un contatto, vendere prodotti, iscrizioni alla newsletter, ecc.

Per un utente “normale” che vuole semplicemente capire come sta andando il proprio sito, magari spinto dalla propria curiosità, queste categorie possono bastare. Il discorso, però, cambia quando è necessario capire come sta andando una campagna sponsorizzata e, quindi, quando è doveroso capire come e se stanno fruttando gli investimenti nel web marketing.

I vantaggi della piattaforma Analytics

Abbiamo visto che le informazioni e i dati generati da Google Analytics esprimono fin nei minimi dettagli ciò che accade all’interno del sito, ma come recitava un noto spot anni ‘90:”La potenza è nulla senza controllo”.

L’aspetto fondamentale di tutto ciò che offre questa piattaforma è l’interpretazione dei dati, che altrimenti potrebbero essere fuorvianti o addirittura dannosi, se mal interpretati.

Interpretare correttamente le informazioni a disposizione, dunque, è fondamentale per diversi settori della vita virtuale dell’azienda: il marketing, le prestazioni del sito e la SEO. Ecco qui di seguito alcune applicazioni pratiche che può

Google Analytics per il marketing

Le informazioni raccolte risultano fondamentali per migliorare le strategie di marketing. I dati raccolti possono dare una risposta ai seguenti quesiti:

  • quanto traffico arriva al sito dai canali marketing?
  • quali siti web portano il maggior numero di utenti?
  • qual è il tasso di conversione dei visitatori di diversi canali?

Il tasso di conversione è il rapporto tra il numero di visitatori che accedono ad una pagina/sito e quanti di questi compiono una determinata azione, detta conversione.

Le risposte a queste domande servono a canalizzare al meglio gli investimenti nel reparto web marketing, individuando quali canali portano profitto e quali invece hanno bisogno di modifiche.

Google Analytics per il sito

I dati raccolti mostrano anche le performance che ottiene il sito o una pagina specifica. In quest’area si può capire:

  • quale pagina riceve più traffico?
  • quale pagina riscuote meno successo?
  • quanto velocemente si carica il sito?
  • come sono le perfomance per i dispositivi mobili?

Queste informazioni offrono spunti per migliorare le prestazioni del sito. Scoprendo ad esempio che il 90% degli utenti naviga da smartphone, sarà doveroso investire di più nell’ottimizzazione per i dispositivi mobili.

Analytics per la SEO

Le informazioni di Google Analytics possono anche giovare alla strategia SEO (link interno?). Con l’interpretazione dei dati si può rispondere ad alcune domande, quali:

  • quanto traffico di ricerca riceve il sito?
  • quale landing page ottiene più traffico?
  • quale parola chiave usano gli utenti per arrivare al sito?
  • qual è la bouncing rate (ovvero gli utenti non interessati e che lasciano il sito entro 30 secondi) e da quali fonti provengono tali utenti?

Conclusioni

Risulta chiaro, a questo punto, considerare Google Analytics uno strumento utilissimo per tutti coloro che vogliono tenere sotto controllo il proprio sito.

Abbiamo visto a grandi linee che questa piattaforma permette agli addetti ai lavori più o meno esperti di rendersi conto delle performance digitali della propria azienda. Si ha, infatti, la possibilità di osservare, studiare ed interpretare i comportamenti di qualsiasi utente e di capire dove le cose vanno bene e dove invece c’è da migliorare.

Poter applicare la giornalistica regola delle 5W (Who, What, When, Where, Why), nell’epoca dell’informazione dove i dati sono trattati come vero e proprio oro digitale, è un’opportunità che ogni impresa, dal piccolo professionista alla grande multinazionale, deve cogliere, senza ombra di dubbio.

Hai domande sulla corretta configurazione di Google Analytics o dati che non capisci bene? Lascia un commento e ti risponderemo volentieri!

Condividi questa storia, scegli tu dove!

5,8 min readPublished On: Febbraio 25th, 2022Last Updated: Febbraio 25th, 2022Categories: Marketing wiki, Web Marketing
Ti è piaciuto questo contenuto? Invia il tuo feedback! *
Hai trovato utile questo contenuto? Valuta da 1 a 5 in modo anonimo.
Socialtrust

About the Author: Luca Contestabile

Avatar di Luca Contestabile
Il mio primo computer l'ho montato a 7 anni. Da quel momento è stato amore a primo hardware, poi diventato software, fino a quando mi sono innamorato del web marketing. Passione e curiosità sono la mia chiave di questo mondo e delle sue infinite possibilità.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Post correlati